Tour a Pescara – Gabriele D’Annunzio e l’Abruzzo

Pescara (PE)

  • * I prezzi comprendono il costo della garanzia annullamento Meditour

    Camera 1

    Sistemazione-Trattamento:

    QUOTA DI PARTECIPAZIONE IN DOPPIA

    Persone: 2adulti 

    € 0,00



    Tour a Pescara – GABRIELE D’ANNUNZIO E L’ABRUZZO

    Tour a Pescara Gabriele D’Annunzio e L’Abruzzo. Viaggio di quattro giorni con guida locale e con auto o moto propria a Pescara e sulla Costa dei Trabocchi – Un Tour nel quale ti condurremo alla scoperta dei luoghi di impareggiabile bellezza e, per questo, tra i più amati da Gabriele D’Annunzio nei suoi soggiorni in terra d’Abruzzo.

    1° giorno: Francavilla al Mare
    Il tuo arrivo è previsto nel pomeriggio presso il Park Hotel Alcyone di Francavilla al Mare. Sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.


    2° giorno: Tour dell’olio e del vino
    Prima colazione in hotel. Attraverso ridenti strade costeggiate da vigneti e uliveti raggiungerai Loreto Aprutino, la città dell’olio decantata da D’Annunzio in alcune pagine del “Trionfo della Morte”. Qui la guida locale ti accompagnerà alla scoperta del borgo e dei suoi monumenti. A seguire, un maestro oleario ti spiegherà le tecniche della coltivazione dell’ulivo e della spremitura, ti farà degustare l’olio extra-vergine d’oliva “Aprutino-Pescarese”, che ha ottenuto nel 1996 il marchio D.O.P. (denominazione di origine protetta).  A fine visita ti trasferirai presso l’azienda agricola Contesa di Collecorvino, dove un componente della famiglia Pasetti, viticoltori d’Abruzzo da generazioni, ti accompagnerà nella visita dell’azienda durante la quale ti saranno spiegate le tecniche per la coltivazione della vite e della successiva vinificazione. Successivamente, nella sala degustazione della cantina, ti verrà offerto un aperitivo con assaggi di tre tipologie di vino d’annata ed una riserva, accompagnati da stuzzicheria con pane e olio, formaggi e salumi locali. Pomeriggio libero. Cena e pernottamento in hotel.


    3° giorno: Costa dei Trabocchi
    Prima colazione in hotel. La guida locale ti accompagnerà in questa bella giornata sulla Costa dei Trabocchi, tratto di mare adriatico a sud di Pescara particolarmente amato da D’Annunzio. La prima tappa si farà al Mu.Mi di Francavilla al Mare per farti vivere il clima gravitante del “cenacolo michettiano”, dove è possibile ammirare le due grandi tele de “Le Siepi” e “Gli Storpi” di Francesco Paolo Michetti. Successivo viaggio lungo la Costa dei Trabocchi, dove D’Annunzio si ritirò per la stesura del “Trionfo della Morte” nell’estate del 1889. Durante il tragitto potrai ammirare i Trabocchi che caratterizzano la bassa costa adriatica abruzzese. Giungerai all’abbazia romanica di San Giovanni in Venere a Fossacesia, dalle forti influenze borgognone e di chiara impostazione cassinese. Per il pranzo a base di pesce, ti abbiamo riservato un tavolo su un tipico trabocco, straordinaria macchina da pesca che si estende, dalla terraferma al mare, tramite esili passerelle di legno. Prima del rientro in hotel la guida ti farà visitare Ortona, città abruzzese più colpita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, per scoprire la personalità di Francesco Paolo Tosti amico del Vate e anch’egli, insieme ad altri artisti e intellettuali, fu assiduo ospite presso il “cenacolo michettiano”. Visiterai il Castello Aragonese, Palazzo Corvo che è sede dell’Istituto Nazionale Tostiano e del museo musicale, la cattedrale di San Tommaso che conserva le reliquie del Santo Apostolo. Cena e pernottamento in hotel.


    4° giorno: Pescara
    Prima colazione in hotel. La guida locale privata ti condurrà nella visita della città natale di Gabriele D’Annunzio che inizierà da un luogo simbolo: il museo casa d’Annunzio, dove il poeta nacque e trascorse la sua infanzia. Qui, ammirerai anche importanti opere d’arte abruzzese di fine Ottocento. A seguire ti sposterai nella cattedrale di San Cetteo, all’interno della quale è collocato il monumento funebre di Luisa de Benedictis, madre di d’Annunzio. Vedrai i resti della chiesa di Santa Gerusalemme, per procedere lungo le due strade parallele di Corso Manthonè e Via delle Caserme, affiancando l’edificio delle caserme borboniche giungendo a Piazza Unione, dove ti soffermerai sul monumento dedicato a Ennio Flaiano. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza per il rientro.


    PARTECIPANDO A QUESTO TOUR VIVRAI ESPERIENZE ESCLUSIVE 
    Pranzo con menù marinaro su un tipico Trabocco
    Laboratorio dell’Olio d’Oliva
    Visita di una cantina con degustazione di vini DOC

    AVRAI A DISPOSIZIONE UNA GUIDA LOCALE PER LE VISITE DI
    Pescara
    Costa dei Trabocchi
    Loreto Aprutino

    Ti occorrono altre informazioni?
    Prenota la tua consulenza telefonica o la tua videochat!


    CHE COSA E’ INCLUSO NELLE QUOTE:
    – Sistemazione presso il Park hotel Alcyone in camere doppie con servizi privati
    – Trattamento di tre mezze pensioni in hotel
    – Pranzo tipico marinaro su un Trabocco
    – Laboratorio dell’olio con degustazione a Loreto Aprutino
    – Degustazione/aperitivo presso l’azienda agricola Contesa
    – Guida locale per le visite di Pescara, della costa dei Trabocchi e di Loreto Aprutino

    CHE COSA NON E’ INCLUSO NELLE QUOTE:
    – Eventuale tassa di soggiorno
    – Trasporto
    – Ingressi
    – Mance
    – Bevande ai pasti
    – Tutto quanto non espressamente indicato nella voce la quota comprende

    POLITICA DI CANCELLAZIONE:
    – Nessuna penale per annullamenti fino a 15 giorni prima della data di arrivo
    – 20% di penale per annullamenti da 14 a 8 giorni prima della data di arrivo
    – 50% di penale per annullamenti da 7 a 3 giorni prima della data di arrivo
    – 75% di penale per annullamenti nei 2 giorni prima della data di arrivo
    – 100% di penale per il mancato arrivo

    cruise

    L’Olio Extravergine di Oliva

    blog 0

    L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA è da sempre uno degli alimenti fondamentali nella dieta delle popolazioni abruzzesi, tanto che si trovano

    cruise

    L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA è da sempre uno degli alimenti fondamentali nella dieta delle popolazioni abruzzesi, tanto che si trovano tracce del suo utilizzo già in epoca preromanica. I Vestini, antico popolo italico che occupava la regione attorno al Gran Sasso, producevano quest’olio schiacciando le olive con le pietre. Il guerriero di Capestrano, il principe-guerriero del VI secolo a.C. raffigurato in una statua divenuta un’icona simbolo dell’Abruzzo e della sua identità, avrebbe festeggiato le sue battaglie con banchetti sui quali si trovava anche questo prezioso ingrediente.

    Tante sono le località famose per la produzione di ottimo olio d’oliva, tra queste senz’altro merita una menzione Loreto Aprutino, situata a pochi km da Pescara. Ricca di storia e di notevole spessore culturale, annoverata tra le più belle città d’Abruzzo, il paese porta questo doppio nome solo dal 1863, quando, con l’unificazione d’Italia, fu necessario distinguerlo dall’omonimo paese marchigiano. Il suo centro storico conserva intatta la propria fisionomia storico- architettonica ed il caratteristico aspetto medievale di case e palazzi. Nella parte alta del paese troviamo la Parrocchiale di San Pietro Apostolo del XV secolo con un loggiato a trifore romaniche e con una cinquecentesca cappella di San Tommaso, con un busto di San Zopito (patrono del paese) del settecento ed un’urna ottocentesca con le reliquie del Santo conservati al suo interno.
    La fama della cittadina deriva soprattutto dai prodotti della sua terra , l’olio extravergine d’oliva, da anni con marchio Dop.

    I benefici dell’olio sono tanti, ne ricordiamo alcuni: previene i problemi cardiovascolari, combatte il colesterolo, migliora la digestione e aumenta il senso di sazietà.

    Ma per far sì che quest’olio preziosissimo mantenga a lungo le sue caratteristiche è bene saperlo conservare. La condizione ottimale è riporlo al buio e a una temperatura tra i 10 e 20 gradi, possibilmente in contenitori di acciaio o ancor meglio in bottiglie di vetro scuro mantenute piene per non consentire al prodotto di stare a contatto con l’aria, perché l’ossigeno porta all’ossidazione degli acidi grassi rendendo rancido l’olio.

    Come gustarlo? Sul pesce, anche crudo, sulle bruschette e per insaporire le minestre.